L’airone

Dove tutto sembra rincorrere il tempo, dove la quotidianità non ci lascia scampo, a volte penso che spesso non si ha più nulla da aggiungere al solito. Come tutte le mattine percorrevo la provinciale che mi avrebbe portato a lavoro e d’improvviso la mia attenzione si è soffermata ad osservare quell’airone che con aria investigativa contemplava, buttando l’occhio a ciò che lo stava circondano. Un via vai interminabile di mezzi, auto, moto, camion, furgoni., etc etc etc da un verso ad un altro, e con l’altro occhio osservata il cielo plumbeo immergendosi, con chi sa quali pensieri, tra le nuvole minacciose di male tempo previsto per la giornata!  Per un attimo, confesso, avrei voluto tanto essere in grado di leggere nella mente, ma quell’airone era talmente espressivo che ho avuto la netta sensazione si sentisse fuori luogo in quel contesto, ma nello stesso tempo tranquillo e fiducioso volgendo lo sguardo verso l’infinito.