Il serbatoio emozionale – i doni (sesta puntata)

“…che bravo, hai messo in ordine la tua camera, tieni, ti regalo i biglietti per il cinema;….complimenti, hai preso un bellissimo voto a scuola, ecco ti regalo un bel gelato o un bel gioco…”: sono veri doni?

Come funziona per noi adulti?

Concludiamo una trattativa con un’azienda; portiamo un mazzo di rose alla responsabile o una cassetta di vino al titolare: sono veri doni?

Il dono, in questi casi, è un ringraziamento, talvolta è la richiesta di una collaborazione o di un impegno futuro. Quando promettiamo un dono se guarderà meno la televisione o se starà bravo durante una certa esperienza, il dono sarà un tentativo di condizionare il comportamento del bambino. Il rischio è che il bambino consideri questi doni non come gesto d’amore, ma come qualcosa di dovuto.

Considerate l’importanza di un regalo inaspettato, che non ha una relazione con qualcosa che è accaduto o con una ricorrenza: fate un regalo al di fuori del compleanno o del Natale, non considerate solo i “regali” in occasione di successi scolastici (premi). Quando regalate qualcosa, o semplicemente un oggetto di abbigliamento, fasciatelo comunque con carta da regalo e presentatelo durate la cena o il pranzo con tanto di cerimonia di consegna del regalo, per far sì che rappresenti effettivamente un evento dietro il quale c’è l’amore dei genitori. Quando scegliete un regalo pensate infine al fatto che il vostro bambino abbia manifestato interesse per quell’oggetto, a volte potete anche andare a comprarlo insieme.

Alcune attenzioni.

Potrebbe essere che venga la tentazione di sommergere i vostri bambini di doni, per sostituire gli altri linguaggi di cui abbiamo già parlato. Questo potrebbe accadere per varie ragioni: non riuscire a  farsi coinvolgere in maniera emozionale, mancanza di tempo, difficoltà a capire quello di cui i bambini hanno bisogno.

Come scegliere un dono o un giocattolo?!?!

Esaminate con cura il giocattolo, ponetevi domande di questo tipo: che messaggio comunica questo giocattolo al mio bambino? è un messaggio con cui concordo? cosa potrebbe imparare il bambino con questo gioco? l’effetto che determinerà sarà globalmente positivo o negativo? quanto durerà questo giocattolo? susciterà un interesse limitato o lo userà più volte?

Ricordate che un regalo, sopratutto per i più piccini, può anche essere un oggetto scovato durante una passeggiata; una corteccia o una pietra particolare. Per alcuni bambini il linguaggio dei doni è molto importante, scopritelo e ricordatevi di  utilizzarlo.

Alla prossima….

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...